· 

Tecnica dei 101 Desideri di Igor Sibaldi

L’esercizio dei 101 desideri è di origine antica, Igor Sibaldi nel video in cui la presenta sostiene sia di origine orientale. Facendo un po’ di ricerche sul web ho scoperto che Sibaldi l’ha ripresa dal libro The Aladdin Factor di Jack Canfield e Mark V. Hansen, purtroppo non disponibile in italiano (almeno che io sappia).

Sibaldi ha anche dedicato un libro a questo argomento chiamato “Il mondo dei desideri”.

Questo lungo esercizio mi ha portato varie riflessioni e alla consapevolezza di conoscermi un po' di più.... io per esempio non ho saputo desiderare un castello o diventare un proprietario di una grande azienda come Igor Sibaldi cita di esempio nel suo video.

Ogni Desiderio che noi riusciamo ad esprimere è una forma di PREMONIZIONE: non si tratta quindi di un frutto della nostra fantasia, ma di un allenamento della nostra capacità di percezione, fino a cogliere nel "campo in cui spazio e tempo non esistono" una qualche occasione che sta venendo verso di noi, o meglio che è già lì per noi e che può servire al nostro percorso di vita o al nostro sviluppo personale.

Io per esempio, vi consiglio di DESIDERARE di fare un percorso con la Cromopuntura ;) .... TUTTI DOVREBBERO DESIDERARE DI PROVARE LA CROMOPUNTURA!

 

Perché 101? 

Anche il numero ha un suo perché simbolico: è un numero con particolare importanza per gli orientali e raffigura un intero grande (100), ma aperto, grazie a quell'UNO (1) in più, a nuovi sviluppi e che vi solleticherà a risvegliare, stimolare e irrobustire le vostre facoltà di desiderio atrofizzate!

Ricordati intanto del famoso principio che ci ha insegnato la Legge di Attrazione: chiedi – credi – crea 

dove "IO VOGLIO...." è la richiesta, fatta perché crediamo in quel Desiderio e tale scelta è già una vibrazione, che a sua volta creerà Materia e quindi et-voilà IL DESIDERIO SI E' AVVERATO!!!!!

COMINCIAMO!!!

PREMESSA:

- Procurarsi due quaderni: uno di brutta, che servirà per scrivere i 150 Desideri concisi e precisi e l'altro per ricopiarne in bella SOLO 101

- Scrivere i 150 Desideri non è detto che sia facile. Mai scoraggiarsi! Un adulto medio non è in grado di esprimere più di 10/20 desideri alla volta. Capirai che il passaggio dal decimo al centocinquantesimo non sarà certo immediato, ci possono voler mesi. Non ti preoccupare e abbi pazienza!

Ricorda che questa tecnica ti aiuterà a conoscerti, quindi il solo tentativo di farla ti avrà già fatto guadagnare in consapevolezza!

REGOLE:

1) I Desideri devono iniziare tutti con "IO VOGLIO" seguiti da una descrizione concisa e precisa.

Il VOGLIO prepara ad un'assunzione di responsabilità di quello che per noi è prioritario e scegliamo come desiderio. Il verbo VOLERE è più forte del verbo DESIDERARE, in quanto ci posso essere tante cose di cui sento la mancanza, ma questa la voglio (al presente).

2) Evitare la parola NON, perché ti attiri ciò che non vuoi: es. "Io voglio non stare più male", ci si sta focalizzando sulla malattia, non si devono usare termini come "incolume" o che iniziano con "IN" perché è un suffisso spesso negativo o che indica insufficienza.

3) Le frasi devono contenere un massimo di 14 parole (siate concisi), la punteggiatura conta come una parola. Perché 14? perché sono le parole che si riescono a dire in un'unica respirazione.

4) Evitare desideri troppo generali e che la realizzazione non sia verificabile: es. io voglio essere migliore o io voglio essere più ricco ma si può chiedere io voglio salvare il popolo XXXXX dalla carestia.

5) Evitare di chiedere i soldi, perché i soldi sono un tramite per ottenere e non un fine, quindi ritarderebbero la realizzazione degli obiettivi. Fissarsi sul mezzo per ottenere i desideri si perde il fine.

6) Chiedere solo per se stessi e non per gli altri. Questa, per me, è una delle regole più importanti. Non si tratta di diventare egoisti, ma questo lavoro è dedicato a se stessi; chiedere che un'altra persona guarisca o che risolva i propri problemi si rischia di peggiorare le cose. Ogni persona è giusto che percorra il proprio cammino di vita, entrare nella vita degli altri è un abuso e non aiuta quella persona ad evolvere e a imparare la lezione che in quel momento la vita gli sta parando davanti. Sappiamo che se rimandiamo l'evolvere (in questo caso l'aiuto viene da un vostro desiderio), la vita ci metterà dinnanzi ad un momento più duro, ampliando il campanello d'allarme. MI RACCOMANDO potete chiedere "Io voglio fare in modo che quella persona guarisca, risolva i problemi, ecc.", ma NON io voglio che il mio amico guarisca. In questo modo chiedete di far avere al vostro amico, tramite voi, gli strumenti per guarire o risolvere i problemi e lasciate a lui la scelta di accettarli o no.

7) Evitare ogni tipo di paragone, per una semplice legge dell'attrazione: oltre al pregio ti prendi anche tutti i difetti! 

8) Evitare i desideri seriali

9) Evitare i diminutivi: se chiediamo una casetta, ci arriverà quella delle Barbie o peggio quella dei plastici dei trenini.

10) Evita di chiedere una relazione con una persona specifica.

Si tratta dello stesso motivo di prima: non è bene interferire con le storie degli altri. Concentriamoci su chiedere il rapporto che vogliamo. Anche perché, potresti sbagliarti: la persona che ora ti sembra tanto affascinante, e magari conosci poco, potrebbe riservare sorprese indesiderate. Meglio non creare legami difficili da spezzare e chiedi piuttosto una relazione appagante e soddisfacente: la persona che arriverà, sarà automaticamente quella giusta! 

In più aggiungerei due altre NORME da tenere in considerazione:

11) Evitare desideri che sono nocivi per altre persone, perché nel profondo la nostra Coscienza non approverebbe e potrebbe attrarre centuplicato il male augurato.

12) Non inserire nei desideri qualcosa che non stai ottenendo solo per mancanza di volontà. Dato che se abbiamo deciso di intraprendere questo semplice  percorso evolutivo, non dobbiamo deresponsabilizzarci delegando alla tecnica qualcosa che possiamo fare da soli.

Se so già cosa devo fare, ma magari sono pigro, è inutile allora inserire nei desideri “Io voglio fare xxxxxxxxxxx”. Farò meglio a vincere la pigrizia e darmi da fare! Se invece mi trovassi in un momento di crisi profonda, allora potrò chiedere che arrivi l'ispirazione, o le idee, o la forza per realizzare ciò che devo fare.

Durante l'esercizio e nei mesi successivi potrete incontrare delle difficoltà, magari notando che dei Desideri rimangono innaverati. Ci possono essere delle credenze inconsce che impediscono la realizzazione dei desideri, difficili da scovare. Ricordate che se pronunciate la frase: “è difficile“ mentre esprimete un desiderio, contribuiamo a renderlo tale. L'importante è fare un lavoro costante e già la visione intorno a noi si modifica, inizieranno a presentarsi delle "occasioni" che prima non erano visibili.

Importante è non spaventarci e lasciare fluire o se vedete qualcosa che non vi piace, rileggete ciò che avete desiderato.... siete sempre in tempo a modificarlo!!!!

MI RACCOMANDO SCRIVETE anche i DESIDERI ASSURDI: non fatevi frenare dalla razionalità, anch'essi arriveranno per un significato! 

E DOPO CHE LI ABBIAMO SCRITTI?

Una volta che avete completato i 150 Desideri in brutta, potete provvedere a trascriverne SOLO 101 sul quaderno di bella ricordandovi di lasciare abbastanza spazio (una decina di righe) tra un desiderio e l'altro.

Rileggete il quaderno per una volta al giorno per 365 giorni (vi consiglio di scrivere la data in cui iniziate il lavoro): NON CI VUOLE MOLTO ci dedicherete 5/6 minuti al giorno. Come tutti gli esercizi meditativi, vi si chiede di trovare un vostro angolino appartato, in cui vi trovate a proprio agio e dove non vi disturberà nessuno, così da metterci tutta la carica positiva necessaria a rileggerli ed eventualmente la concentrazione per depennare quelli esauditi e scriverne subito sotto un altro. Si dovranno mantenere 101 Desideri in essere.

Potete usare i 49 scartati dal quaderno di brutta o scriverne nuovi e RICORDATE potete sempre sostituire anche quelli che capite non essere corretti.

Dopo un anno fate una piccola cerimonia: c'è chi dice di distruggere entrambi i quaderni (lascio a voi la scelta), io preferisco dirvi seppelliteli... magari in un vaso gigante o in giardino o in un punto del bosco a voi più caro.... questo perché, a parere mio, hanno solo bisogno di essere curati, annaffiati e germogliare!

E se fino ad allora non si sono avverati è perché inconsciamente ci sono ancora dei vostri blocchi, rappresentano delle vostre incertezze e delle vostre paure... 

Con questa azione farete in modo di dare un colpo anche a queste ultime resistenze!

 

COSA ASPETTI???!!!

Prova, sperimenta, mettiti in gioco.

 

Se ti va, commenta questo post e scrivimi come sta andando.

Vedrai che scrivere 150 desideri non sarà immediato. Iniziare a chiedersi che cosa desideri ti farà scoprire delle cose di te. Se poi i desideri dovessero iniziare a realizzarsi (e lo faranno!) a quel punto potrai vedere se realmente ci tenevi così tanto a quelle cose oppure no. In entrambi i casi, muoverai un passo verso la conoscenza di te stesso.

 

 

Video da dove ho preso spunto:

https://www.youtube.com/watch?v=oW1EkLxzNu0 

 

In più vi consiglio di Leggere la Newsletter di Gennaio 2018 in cui si differenziano la parola Desiderare- Considerare e Volere.

 

Un abbraccio di Luce

Roberta

Scrivi commento

Commenti: 0