Doula chi è e cosa fa

La parola viene dal Greco e significa, letteralmente, "colei che serve la donna".

La Doula é una figura di sostegno emotivo-pratico in gravidanza, travaglio-parto e dopo parto. La Doula é una persona in grado di potenziare le capacità genitoriali.

Molte donne sono spaventate dall'idea del parto; altre non possono contare sulla presenza del partner o di un parente.

Per tutte può essere necessaria la presenza costante di una persona esperta e amica, che resti accanto momento per momento.

La Doula, può essere preziosa anche per il partner: molti uomini vivono il parto della loro compagna con forte emotività e trovano difficile essere obiettivi e calmi.

Anche per loro può essere un sollievo trovare conforto e rassicurazione, in modo che possano, a loro volta, sostenere amorevolmente la loro partner.

In questo modo, il partner e la Doula costituiscono una "squadra" di sostegno ideale per la donna insieme all'ostetrica.

La Doula é un grande aiuto nei primi giorni a casa dopo il parto dove le prime settimane dopo il parto, possono essere davvero impegnative per i neo-genitori. 

Nel passato esisteva una presenza forte della madre della neo-mamma, o di altre figure femminili, in grado di sostenere la mamma e il papà. Per le nostre nonne, bisnonne era normale prendersi cura dei fratellini più piccoli o dei vicini di casa e di vivere la maternità nel quotidiano. Il più delle volte oggi i neo-genitori hanno poca esperienza su come crescere un neonato; la maggior parte delle donne non ha mai tenuto in braccio un neonato. I neo-genitori una volta tornati a casa dall'ospedale vivono spesso un momento di smarrimento. 

In queste settimane tanto delicate, una persona di sostegno può guidare e rassicurare, sui tanti dubbi legati alle esigenze del bimbo.

La neo-mamma, verrà così sostenuta in un momento in cui oltre a far fronte ai notevoli cambiamenti ormonali e fisici, si rende conto che la presenza del piccolo trasforma radicalmente la sua quotidianità, segnando il passaggio da una vita attiva, ricca di contatti sociali e lavorativi, ad un periodo tutto dedicato a scoprire e soddisfare le esigenze del neonato, con una responsabilità continua ed un inaspettato grado di stanchezza. 

Cambiano i ruoli e i compiti, i ritmi della vita quotidiana subiscono scompiglio e il livello di stanchezza può essere alto, specie quando gli orari delle poppate e i bisogni del piccolo non seguono i normali cicli del giorno e della notte.

È necessario da parte di entrambi i neo-genitori un notevole sforzo nella comunicazione, nel sostegno e nella comprensione reciproca. La presenza della Doula è in genere preziosa anche in questo periodo, così importante per lo sviluppo della relazione futura tra la mamma, il papà e il bambino.

In particolare, la mamma può sentire con forza il bisogno di parlare con un'altra donna dei suoi dubbi e delle preoccupazioni riguardo al neonato e alla sua vita, delle sue reazioni emotive e anche dei suoi problemi: la Doula diventa una risorsa nei casi in cui non sia presente una figura parentale, o un'amica, in grado di assumere questo ruolo.

La Doula è esperta nell'accudimento del neonato e può aiutare la mamma a trovare le risposte ai bisogni del bambino; può essere una guida preziosa per l'avvio dell'allattamento e per le prime cure (bagnetto, vestizione, utilizzo degli strumenti). Può accompagnare la mamma a fare una passeggiata con il bambino, preparare un tè o il pranzo da consumare insieme, oppure la Doula può occuparsi del bambino intanto che la mamma si fa una doccia o dorme un po', questo aiuta le mamme a non sentirsi sole e ad alleviare notevolmente le tensioni dovute alla stanchezza e ai nuovi ritmi. 

La Doula, insomma, fa da madre alla madre, e non di rado anche al padre, per il quale questo primo periodo con il piccolo può a volte essere altrettanto delicato.

Scrivi commento

Commenti: 0