Sono iscritta dal 2016, anno della sua Fondazione, all'Associazione Cromopuntori A.CRO, perché penso che sia il mio modo per rispettare le persone che scelgono la Cromopuntura come metodo per rimanere in salute e/o riportare equilbrio psico-fisico in loro stesse.

 

E' un'associazione di categoria in cui si controlla la qualità della formazione, degli aggiornamenti e dei percorsi che i terapisti iscritti intraprendono.

A.CRO - Associazione Cromopuntori -

A.Cro è un’associazione che opera per la tutela della figura professionale del Cromopuntore.

 

L’obiettivo è di creare un gruppo di professionisti che insieme operano per lo sviluppo e la diffusione della Cromopuntura secondo il metodo Peter Mandel.

 

L’Associazione si prefigge vari scopi, i principali sono:

  • Tutelare il prestigio della Cromopuntura
  • Fornire una corretta informazione della Cromopuntura
  • Valorizzare e far crescere professionalmente i propri iscritti in un’ottica di sviluppo e diffusione della Cromopuntura e di rispetto del profilo della categoria
  • Realizzare le aspirazioni della categoria ad un ordinamento sociale
  • Promuovere iniziative al fine del riconoscimento legale dell’iter formativo e della figura professionale del cromopuntore adeguandosi alle normative nazionali, comunitarie ed internazionali
  • Assicurare degli standard qualitativi professionali degli iscritti, nel convincimento che solo attraverso la garanzia della qualità delle prestazioni si possa tutelare l’utenza finale dei servizi
  • Verifica per ogni cromopuntore i livelli di qualificazione professionale richiesti, l’aggiornamento professionale continuato per garantire all’utente un riferimento sicuro, sia per differenziare il professionista da altre figure non qualificate
  • Contribuire alla diffusione della Cromopuntura e alla sua integrazione con la medicina tradizionale

Codice Deontologico

Il codice deontologico è l’insieme dei principi e delle norme che il Cromopuntore deve osservare nell’esercizio della professione, quali che siano l’ambito e lo stato giuridico in cui viene svolta. Il Cromopuntore è tenuto alla conoscenza delle norme contenute nel presente codice, la cui ignoranza non esime dalla responsabilità morale e disciplinare.

Il Cromopuntore prefersce il modello della cooperazione a quello della competizione, si comporta con lealtà nei confronti dei propri colleghi.

1. Il Cromopuntore esercita la propria professione per promuovere e mantenere la salute, per migliorare la vita dei propri utenti, senza distinzioni di sesso, razza, religione o convinzioni politiche, con competenza, buon senso, responsabilità e prudenza.

In particolare il suo compito è finalizzato:

Alla prevenzione delle malattie mediante interventi di Cromopuntura, cristalloterapia e induzione secondo il metodo Peter Mandel.

Al ripristino dell’equilibrio energetico – funzionale dell’essere umano, intervenendo sulle sue manifestazioni globali, in una visione olistica, causale e non solo sintomatica.

Stimolare nelle persone la capacità di autoguarigione e incentivando l’auto-responsabilizzazione nei confronti dello stile di vita condotto.

2. Il Cromopuntore non prescrive farmaci né interviene sulle prescrizioni mediche. Non utilizza neanche per uso esterno farmaci che abbiano bisogno di prescrizione medica.

Si asterrà sempre dal formulare diagnosi mediche o utilizzare terminologia medica. Non consiglierà mai al proprio utente di astenersi dalla terapia e dai controlli prescritti dal medico curante.

Inoltre si asterrà dal giudicare o criticare percorsi e comportamenti di medici, dal sottolineare la possibile tossicità dei farmaci,onde evitare di ingenerare nel cliente perniciosa sfiducia nel proprio medico o nella capacità curativa di farmaci

3. Il Cromopuntore nello svolgimento della sua professione e con gli strumenti in suo possesso,se sospetta una situazione patologica deve informare l’utente e invitarlo a rivolgersi al suo medico curante

4. Il Cromopuntore impronta i rapporti con i colleghi alla massima correttezza e solidarietà professionale. Svolge la sua attività professionale che gli compete, senza sconfinare nell’ambito di pertinenza di altre professioni; o nella piena libertà del suo operato, deve essere disponibile alla collaborazione con altre figure professionali che interagiscono con l’utente su sua richiesta o con il suo consenso

5. Per esercitare la professione, il Cromopuntore deve avere una assicurazione adeguata che copra i rischi di eventuali incidenti che possono verificarsi nello svolgimento della professione

Deve avere un locale adeguato e in accordo con le normative di leggi vigenti.

Avere P.Iva o posizione regolare nel rispetto delle leggi attuali.

All’interno dei locali dovranno essere esposti il Diploma dell ‘Istituto Internazionale di Peter Mandel che certifica la professionalità del Cromopuntore.

Il Cromopuntore rinuncia a servirsi di qualifiche o titoli accademici che non gli competono. Egli si astiene da qualsiasi forma di pubblicità ingannevole.

6. Il Cromopuntore è tenuto a far firmare al proprio utente il “Consenso Informato”. Si intende un atto il quale l’utente autorizza liberamente ed intenzionalmente il Cromopuntore ad utilizzare  metodi propri della Cromopuntura e della Medicina Esogetica per valutare lo stato di benessere e il conseguente programma personalizzato di benessere. Il consenso informato si basa sulla norma etica fondamentale del rispetto della persona e sui principi di autonomia. E’ necessario, quindi, che il Cromopuntore in forma idonea, spieghi all’utente la sua figura professionale e i relativi ambiti di sua competenza

Qualora l’utente sia un minore o un infermo di mente,il consenso informato dovrà essere firmato dal rappresentante legale.

7. Il Cromopuntore è tenuto al segreto professionale e come lui i suoi collaboratori. Nei casi di collaborazione con colleghi o altri operatori, può condividere solo le informazioni strettamente necessarie al miglioramento dello stato di benessere dell’utente

8. Il Cromopuntore che costati, nell’operato di altri colleghi, gravi scorrettezze professionali è tenuto a darne formale comunicazione alla struttura associativa di competenza

9. Il Cromopuntore è tenuto a svolgere una costante opera di aggiornamento e perfezionamento della sua professionalità attraverso corsi, workshop, gruppi di lavoro, seminari, ecc.

10. Il Cromopuntore è tenuto al rispetto della legge del copyright, non divulga, diffonde, presta ad alcuno via internet o in cartaceo la documentazione e le dispense consegnate durante i corsi di formazione.

E’ vietato, quindi, modificare, duplicare, copiare, trasmettere, divulgare, diffondere, eseguire in pubblico e con qualsiasi mezzo e su qualsiasi supporto, il contenuto del materiale distribuito durante i corsi. Ogni utilizzo diverso, da quello personale, deve essere preventivamente comunicato ed autorizzato espressamente da Cromopharma Partner Esogetics, per iscritto.

11. Il Cromopuntore che violi il presente codice deontologico è sottoposto alle seguenti sanzioni:

Richiamo amichevole

Richiamo formale che se reiterato per più di tre volte comporta automaticamente la sospensione dall’Associazione.